CONTAVALLE, Piccola rassegna del ri-esistere - Punto Doc
15855
page-template,page-template-blog-pinterest,page-template-blog-pinterest-php,page,page-id-15855,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode-theme-ver-9.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

CONTAVALLE 2018

Piccola rassegna del ri-esistere

 

Una piattaforma culturale, turistica e antropologica. Contavalle 2018 riprende il percorso inaugurato nella prima edizione per fare un ulteriore passo verso la sua definizione come strumento poliedrico offerto al territorio e agli abitanti dell’alta val di Cembra. Anche quest’anno infatti si parte dalla cultura, dall’arte e dal teatro per favorire l’incontro, lo scambio e l’integrazione tra proposte provenienti da ambiti diversi ma accomunate dall’obiettivo finale della sostenibilità. Se “portare il teatro a casa della gente” per ricoprire e rivitalizzare parti dimenticate dei paesi è diventato lo slogan della passata edizione, per il 2018 Contavalle si propone di portare dentro al racconto teatrale direttamente il territorio, attraverso spettacoli e incontri che lo pongono al centro di riflessioni quantomai attuali e necessarie. L’importante “Chiocciola orange” che il Festival ha da poco ottenuto nel contesto del premio internazionale Cittaslow Best Practices ci rafforza nelle nostre scelte e nell’impegno per migliorare, con l’arte e la cultura, la qualità del nostro vivere quotidiano.

 

il direttore artistico Tommaso Pasquini

 

Contavalle si terrà tra il 1 e il 18 agosto 2018 nelle piazze dei quattro paesi di Altavalle ospitando alcune delle realtà più interessanti del teatro civile e partecipato attive in Italia. Realtà che hanno trovato nel teatro, nella musica, nell’arte, nella cultura in generale la chiave della propria ri-esistenza, per opporsi allo sfaldamento delle proprie comunità.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero

 

Scarica il pieghevole del festival, qui

 

Il Festival Contavalle ha recentemente vinto il premio Cittaslow “Chiocciola Orange”

 

Iniziativa realizzata con il contributo di Fondazione Caritro, Comune di Altavalle, Comunità della Valle di Cembra, Azienda per il Turismo Altopiano di Pinè e Valle di Cembra e la collaborazione di Sviluppo Turistico Grumes.